Controindicazioni di un cervello difettoso

Di mattina sono nervosa, almeno per i primi quindici minuti successivi alla tragedia del risveglio. Credo che quest’importantissima nota la si possa trovare nel libretto d’istruzioni a me allegato. Sono nervosa perché non esiste un motivo valido per allontanarmi dal mio mega-piumone, custode di dormite alcoliche, di momenti di scazzi inauditi, di letture in penombra per non svegliare quella mia parte di cervello già in fase REM. Sono nervosa perché in cucina troverò mia madre, tra i fornelli, che mi servirà del lattecaffé mentre l’odore di sugo al pomodoro ingentilisce l’ambiente…c’è qualcosa peggiore degli odori forti, appena sveglia? Certo che c’è: parlare al telefono, affogando tra gli odori forti, con gente che è già in piedi da un bel pò e ti parla del post-pranzo e/o della serata. Appena sveglia, soprattutto di domenica mattina, per me non esiste un futuro. Anzi, non esiste niente, oltre ai Ritornelli che, spensierati, franano nel mio tazzone colorato e ai Ramones che, cantando parole dettate da Tom Waits, mi ricordano che non voglio assolutamente crescere: come farò a giustificare, mettiamo, tra dieci anni questo mio sanissimo nervosismo mattutino? Il problema principale è che il mio nervosismo ha un decorso naturale di circa quindici minuti, ma se qualcosa (familiari, amiche, tecnologia, postini e cazzi vari) interferisce in questo lunghissimo quarto d’ora, bè, le conseguenze sono imprevedibili e i danni arrecati al mio e all’altrui umore d’ordinanza del tutto inestimabili.

Stiliamo un breve report della mattinata:

Non mi posso lamentare. La giornata si preannuncia tranquilla: ho un sacco da studiare (e lo si può ben capire dal calendario che mi guarda severo), fuori fa freddo, il pubblico ridanciano che è la mia famiglia continua a chiacchierare di là, il teleofono continua a squillare e tutto va male.

Annunci

3 thoughts on “Controindicazioni di un cervello difettoso

  1. utente anonimo ha detto:

    …non lo facevo da un po’..e ad aspettarmi c’erano tante parole e pensieri non letti..senti compagna, qui ci vuole una bella e sana uscita serale..in compagnia di una pinta amica…perché tra le due, non riesco a capire bene chi supera il limite massimo del più pregiato e puro esaurimento che risiede insito nelle nostre giovani menti…niente di speciale me ne rendo conto..ma è sempre qualcosa..buon pranzo..baci
    lsbtt

  2. Miai ha detto:

    Le tre parole pronunciate pero’ non sono male…!

  3. shadysun ha detto:

    io non ricordo neanche più da quanto tempo il mio risveglio è puntualmente di pessimo umore…mi sembra di ricordare da subito dopo la laurea, pressappoco…il mio malumore dura almeno almeno mezz’ora-tre quarti d’ora e si autoalimenta della mia voce ancora più bassa e nasale del solito. x fortuna xò i miei risvegli sono quasi sempre da sola, in casa e c’è il caffè a soccorrermi…da qualche giorno poi appena sveglia mi accoglie il cinguettio di bimbi che giocano al campetto difronte casa mia e quel vociare ha un che di rassicurante…sta lì a ricordarmi che non tutto va poi così male, al di fuori della mia vita :))

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: