Perché sono un'esibizionista persa, in fondo

Benissimo.
Questo è un post tattico. Un post che non sarebbe stato partorito se questa sera non mi fossi ritrovata influenzata, a casa, con un noia che mi pesa sul groppone come il macigno di Sisifo. Sento di dover portare questo sasso fino in cima.
Questo sarà un post epistolare, perché stanotte ho sognato di prendere un caffè con Goethe. E il destinatario sara un’ipotetica ma quanto mai reale Tu, perché ora sto ascoltando Dear You dei Jawbreaker. Sarà un post stupido, perché le alte temperature hanno alterato il funzionamento del mio sistema nervoso centrale. E sarà anche totalmente ispirato a persone realmente esistenti, perché di materiale così interessante come quello reale non se ne trova neanche nel fondo del barile della mente più fantasiosa.

Cara Te,
ci conosciamo finalmente! O forse ci conosciamo già da un bel pò. Non ha tanta importanza, in fin dei conti. Sei solo un pretesto per portare in vetrina la mia ironia. 
Mettevo ordine nella stanza, quest’oggi (ebbene sì, l’influenza mi rende iperattiva) e valutavo quali foto valesse la pena conservare e quali gettare via senza remore; l’interrogativo principale era "Ho motivo di sentirmi emotivamente attaccata a questa foto?", il tempo di risposta variava a seconda della mia sicurezza riguardo ai sentimenti persistenti da ogni determinata posa.
Poi, però, ho lasciato stare. E non per la mia celebrata pigrizia, non perché sono sempre colei che inizia una cosa e non riesce  a terminarla. No. Ho lasciato stare perché ho capito che non m’importava affatto analizzare quello che provavo verso persone che non sento e non vedo più, o verso persone che continuo a frequentare come sempre. Non m’interessava, in fin dei conti, sapere perché togliere dalla libreria quelle fototessere condite di baci mi procurava un pò di dolore. Non bisogna sempre stare a sfottere il gigante che dorme.
Lo stesso metodo lo si potrebbe applicare a ben altri sentimenti e quindi, per ogni relazione che stringo, dovrei stare a chiedermi quali sono le sensazioni, i legami che ho rispetto ad essa. Un modo di procedere fruttuoso, senza ombra di dubbio. Ma che poco m’attira, considerando la mia estasi ad ogni scoperta di miei atteggiamenti nuovi ed inaspettati.
Per farla breve, il calcolo matematico, i grafici e le statistiche non fanno proprio per me. E ben poco m’interessano anche i miei precisi sentimenti. Ho una vita per arrovellarmi la mente e gli unici amori che per ora dichiaro a gran voce sono quelli sfegatati, per persone che per questioni di sangue o di sesso, non scoperei mai.
E poi cosa scopro? Scopro che ci sei tu.  Fatta a tuo modo, lo so. (eh, lo so, ognuno è fatto a suo modo!). Che ti dimostri più interessata di me ai miei stessi sentimenti. Grazie, questo gonfia l’ego a dismisura. Ma, ahimé, ai tuoi quesiti lanciati indirettamente non so proprio come ribattere. Sarebbe più agevole, se avessi una risposta preconfezionata da servirti e invece…spiacente, fino ad oggi il piatto piange. E non lo so quello che provo, l’ultima volta credevo fosse amore ed invece era l’assottigliamento della valvola mitralica. Cose che succedono alla mia età, ormai ci ho fatto il callo.
Sono logorroica ed insistente, ma quella frase che alberga nel bar di Desperado c’insegna che il cliente ha sempre torto, ed in questa mia cella di grandi speranze posso qundi permettermelo.
Un abbraccio, a te, ai tuoi cari, a chi più t’aggrada
Vado a combattere il raffreddore, con metodi cattivi..come piacciono a me!

Annunci

6 thoughts on “Perché sono un'esibizionista persa, in fondo

  1. pipperolosmilzo ha detto:

    Buddy Holly è il peggiore.

    (E’ un post geniale, no? XD )

    Comunque, mi presenti queste Te?
    Sai, sono un po’ a corto di compagnia femminile ultimamente :D.

  2. ABS ha detto:

    Non ricordo più cosa provassi, o a chi scrivessi, quando il raffreddore scorreva potente e influente in me, è passato troppo tempo. Senz’altro prendevo dei caffè, da solo o con personaggi ormai archiviati. Delle fototessere guardone che spiano ancora oggi con mille occhi so però che farei strage.

  3. TheLegs ha detto:

    Però…
    Però.
    Però alla fine è bello arrovellarsi la mente. E non è questione di farlo “ora perché dopo non lo si potrà far più” o “dopo perché c’è tempo”… la questione è che secondo me va fatto perché è bello e basta. Veicola le tue sensazioni facendole convogliare in qualcosa – credici o meno – di positivo.

    Ok, non mi chiedere che cazzo ho scritto, però leggilo ugualmente perché mi sa che in mezzo c’è qualcosa di buono da cavar fuori. 😛

    PS: contro il raffreddore sai benissimo cosa devi fare… ^^

  4. lafea ha detto:

    uhm mi sa che l’influenza ti ispira particolarmente. anch’io di tanto in tanto mi trovo a guardare vecchie foto o vecchi ricordi e pur essendo notoriamente famosa per essere una col sacco della spazzatura sempre pronto, riesco poi a bloccarmi in tempo perchè quando butto qualcosa poi puntualmente me ne dimentico e la cerco. e poi i sentimenti passano e cambiano, quella foto che butterei oggi, magari domani mi farà ridere ecc. ecc. Beh più o meno sono stata abbastanza chiara
    Ps: “gli unici amori che per ora dichiaro a gran voce sono quelli sfegatati, per persone che per questioni di sangue o di sesso, non scoperei mai.” Mi è piaciuto molto è una buona discriminante per capire i propri sentimenti

  5. FrancesGlass ha detto:

    @Pippero: sì, dammi il tuo numero di telefono, ultimamente mi sto impegnando per un’agenzia matrimoniale abusiva 🙂

    @ABS: sei sai fare strage di fototessere senza tanti scrupoli, allora vieni a dare una ripulita da me 🙂

    @TheLegs: lo ammetto, ho dovuto rileggerlo più volte..proverò a tirarne fuori qualcosa di buono con gli anagrammi 😛

    @lafea: anch’io faccio il ragionamento “magari domani mi farà ridere!”…lo ammetto: il momento comico non è ancora arrivato, ora sono nella fase nichilista 🙂

  6. paperinik73 ha detto:

    …però…i jawbreaker non li sentivo da una vita… mi sa che sono finiti su qualche nastro delle mie memorie… buona terapia

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: