A broken down hormonette

Sembrava tutto perfetto: i tre erano usciti per l’ultimo glorioso pezzo ed io, accaldata come come un termosifone, continuavo a dimenarmi.
E’ stato all’inizio dell’ultima strofa di Stain’ Alive che qualcosa ha iniziato a non andare per il verso giusto…ho avuto una strana sensazione sulla schiena, e la mia mano si è subito portata a sorreggere la zona presso il quale tutto l’organismo aveva sentito il TRAACK.
Ebbene sì.
Mi son beccato uno strappo alla schiena.
Al concerto degli Hormonauts.
E, cercando di richiamare l’attenzione della mia amica in trance tra la gente che saltellava, mi sono ripromessa di non prendere più per il culo l’idiota Momendol che cerca di sollevare quel piccolo, minuscolo vaso di fiori.
Poi, aspettando immobile la fine, ho tenuto gli occhi fissi sul batterista, impagabile antidolorifico.

Annunci

3 thoughts on “A broken down hormonette

  1. paperinik73 ha detto:

    ….ti consiglio un bel pepozzo con voltaren e muscoril…
    e poi muoviti, non stare ferma, e ladscia perdere i batteristi 🙂

  2. ABS ha detto:

    Come va ora? Non mi meraviglio che il batteristia sia un rimedio più efficace… Il tizio di Momendol in effetti lo riempirei di mazzate insensate, così, tanto per fargli provare un po’ di dolore vero. 🙂

  3. FrancesGlass ha detto:

    ..bé, ora sono guarita..grazie ai video del batterista, trovati su youtube e…anche un pò grazie all’overdose di voltaren che mi ha inflitto la mia genitrice 😛

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: