Cosmetica dell'amante

Con me non devi essere niente. Via l’ossatura di ciò che è giusto o sbagliato in senso generale, via la preoccupazione di fare, dire, immaginare cose opportune o cose inopportune. Non esiste niente, nell’angusto spazio tra una bocca e l’altra e questa è l’unica cosa veramente opportuna.
I rituali, le formalità, i ruoli da rispettare sono il pane ben lievitato per gente che ha problemi ai denti. Lei preferisce crogiolarsi nella sua capacità di sbranare il tempo e lo spazio. Meglio abbandonarsi al cannibalismo che al frigido galateo delle relazioni interpersonali.
Si ravviva i capelli con la mano sinistra, Dafne, getta la testa indietro, scuotendola leggermente. Alcuni nodi si salveranno comunque dalla sua azione di annientamento dell’ordine precostituito. E questo Dafne lo sa, ma preferisce avere pazienza attendendo che, per effetto della diffusione e dell’energia elettrostatica, tutto vada dove deve andare.
Si slaccia il reggiseno con un gesto annoiato, qualcuno oserebbe definirlo "poco sensuale", altri invece direbbero in modo più appropriato "si spoglia con il disinteresse per l’umanità che le consente di dormire notti tranquille". Si infila nel letto, accendendo il ventilatore ed immaginando di essere in una catapecchia sudamericana, con i vecchi che prendono il fresco in giardino e le giovani affacciate alle finestre che offrono sesso e maternità a uomini disperati. Ma sotto la sua finestra sfrecciano le auto, il portone del condominio luminescente nel quale vive si apre e si chiude continuamente e nella sua libreria abbondano gli scrittori europei e del belpaese. Ed è difficile per un mondo così far nascere relazioni scevre da inutili impostazioni formali o anche semplicemente accettare che ne esistano di ben altro genere. E che siano queste ultime sulla retta via.

Annunci

One thought on “Cosmetica dell'amante

  1. shadysun ha detto:

    “Con me non devi essere niente.[…]
    Non esiste niente, nell’angusto spazio tra una bocca e l’altra e questa è l’unica cosa veramente opportuna”

    Vagnona, parole sublimi. Ebbasta 😛

    (chè poi, mi sò ricordata che mi riprometto sempre di salvarmi a parte su pc i post più “sublimerrimi”, epperò me ne dimentico sempre, il che è male, malissimo :P)

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: