Variazioni di frequenza

L’odore dell’erba appena tagliata.
Il sapore del cioccolato sciolto nel caffé.
L’alcool che dà fuoco all’esofago ed allarga sorrisi.
Il sospiro di sollievo esalato dal regionale che arriva in stazione.
Il tepore dello stesso plaid da vent’anni, quadrettato con le frange tutte annodate dalla noia dei pomeriggi passati a fare i compiti.
Tornare a sentire distintamente tutto questo.
Tornare ad avere sete. Nonostante  la voce graffiata, le stufe in attesa, le mani già fredde.

Annunci

2 thoughts on “Variazioni di frequenza

  1. criade2 ha detto:

    tristissimo novembre.

    devo assolutamente ricominciare a frequentare gli hammam!

  2. DorianRiver ha detto:

    le mani fredde, caraFrances, sanno dire tanto.

    (o almeno voglio illudermi che sia così)

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: