Sogno lucido numero 16

– Forse hai sbagliato a prenderne uno di sottomarca – dice quel diavolo biondo avvezzo alle logiche da discount che è mia sorella
– Il punto è che non solo non è come lo vorrei io, ma va proprio da tutt’altra parte. Fosse solo per la sottomarca, dovrei fare a meno dei fronzoli, ma, scusa, ti rendi conto di quanto le cose mi vadano oggettivamente di merda?
– Ma i sogni lucidi sono così, tirano fuori il Meglio e il Peggio che ti gira in testa. Non voglio avanzare ipotesi avventate sulla percentuale di Meglio e Peggio nella tua capoccia, sorellina, però mi verrebbe da dire che… – si accosta in seconda fila, a spina di pesce, mette le quattro frecce e rientra dopo centoventi/centotrenta secondi con una bustona piena di farmaci antinfluenzali, antipiretici, anticoncezionali, antidepressivi. Non si è mai sufficientemente previdenti, soprattutto se si fa parte del sogno lucido di un’instabile come me.
– Dicevo, non voglio avanzare ipotesi affrettate, ma se ti va tutto proprio di merda, come dici tu, e questa è una creazione della tua testa, allora la tua testa ne è piena, di merda intendo, eh…
– E’ un’ipotesi plausibile. Ma non la risposta che mi aspetto dal mio sponsor, su. Io volevo solo una cosa che somigliasse in tutto e per tutto ad una puntata di Happy Days: chewing gum rosa, frullati e rock’n’roll da bravi ragazzi. Insomma, mi rifiuto di pensare che la mia mente possa aver concepito una vita così depressiva.
Succhia una caramella alla vitamina C, mi fa notare che non ho la cintura, alza il volume dello stereo. See Emily play. La guardo, spalanco la bocca e cerco di raccogliere tutto il fiato che ho nei polmoni, tutta la forza che ho nei muscoli facciali e tutta l’elettricità che mi resta tra neurone e neurone, nella speranza di poter dire tutto prima che sia troppo tardi. La guardo, spalanco la bocca e dico
– Non è il mio. Non è il mio sogno lucido, cazzo. E sono anche sicura di stare sufficientemente sul cazzo a chi l’ha comprato. Non controllo un cazzo, vedi? Ho messo la cintura cento volte in dieci secondi e continua a slacciarsi da sola.
Ed è così che siamo state investite da un camion, frontalmente. E mia sorella continuava a cantare e dalla nostra auto si alzava una fontana di farmaci che non sarebbero mai bastati a curarmi e io smettevo di esistere, come si smette di esistere, normalmente, quando si viene beccati frontalmente da un camion.

Annunci

7 thoughts on “Sogno lucido numero 16

  1. ciccuzza ha detto:

    l’ho riletto tre volte questa settimana.
    senza commentare perché non l’avevo capito bene, però sì, anche io avrei voluto sognare un lucido frontale con un camion (come in quel video :P)
    è come portare fuori la spazzatura, una volta che una cosa l’hai sognata è già spacchettata, ingoiata, digerita, resta solo da prenderla e andarla a buttare in un cassonetto.
    che forse è l’unico vero modo per liberarsene.
    (o forse io non ho capito niente, che può pure esse, eh!)

  2. FrancesGlass ha detto:

    >ciccuzza: il bello di scrivere post cervellotici e apparentemente spiantati da qualsiasi logica è che l’interpretazione di qualche lettore è sempre meglio di quella che avresti dato tu. Quindi, sì, mi piace la tua interpretazione 😉

    >ABS: potrebbe anche essere un insulto mascherato (tipo “definitivo…rompimento di coglioni”), ma oggi faccio l’ottimista. Quindi…grazie ^_^

  3. DorianRiver ha detto:

    ^^
    (questo è inequivocabilmente un segnale)

  4. ciccuzza ha detto:

    frances, volevo solo dirti che: 1)il tuo blog mi piace e mi fa riflettere, 2)ho riletto un tuo vecchio commento a un mio post sul blog “serio”; e se sto ricominciando a scrivere -zitta zitta e di nascosto- quasi come una persona civile che sappia come si usa appropriatamente la lingua italiana, è anche molto merito tuo (o colpa tua, dipende dai punti di vista)

  5. FrancesGlass ha detto:

    >Doriano: io lo sapevo che avresti ricominciato a scrivere, boèhèmien esibizionista che non sei altro.

    >ciccuzza: bene, ora ti sparo un complimento che sembra fatto apposta per assolvere l’obbligo di ringraziare e invece mi viene in mente proprio ogni volta che passo dalle tue parti. Solo dopo un bel po’ ho carpito la tua “dissociazione” blogghistica, all’inizio credevo si trattasse di due coinquiline…bé, mi piacevano entrambi i blog per motivi diversi. Quindi i complimenti per te, a differenza della prima volta, oggi sono doppi 🙂

  6. ciccuzza ha detto:

    ahem… grazie (guance rosse)

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: