La vita, ad esempio

Inizia che dormi, l’ho immaginato proprio così.
Ad esempio, inizia che dormi e la luce filtra a righe dalla veneziana e si riflette sulla tua schiena, perché inizia che dormi a pancia in giù come fai di solito, con un braccio sotto il cuscino e l’altro che pende dal letto.
Fuori stanno facendo il soundcheck per il concerto della sagra di paese e i bambini urlano perché sono già in vacanza e possono starsene in giro per tutto il giorno e tu dormi perché sei abituato ai rumori e ti svegli solo perché hai voglia di caffé, ma resti a letto, immobile,per una serie interminabile di attimi, in attesa che arrivi qualcuno anche se non deve arrivare nessuno.
Sei lì, fermo, intento a perderti nei lasciti ovattati di sogni che ricordi così male che sembrano sogni d’altri.
Poi ti trascini sino al comodino e accendi una sigaretta. E’ così che mi viene in mente tutta la scena, se ci penso.
Va avanti che non parli, come al solito, va avanti che cerchi di muoverti silenziosamente come se ci fosse qualcuno da lasciar dormire in pace. Va avanti che fuori cantano e sembrano felici di essere felici
…mentre il mondo sta girando senza fretta…
Non canti da mesi, non parli da giorni, respiri lo stretto necessario.
La vita basale.
La vita in compresse e riassunti.
La vita, quaggiù, col suo sapore di nodi e di disgrazie.
…dove il sole del buon dio non dà i suoi raggi
Ad un certo punto hai lasciato tutti dietro o forse hai fatto andare tutti avanti e sei tu ad essere restato indietro, per non farti vedere, per non disturbare, per restare seduto ad ascoltare quattro stupidi che cantano io quasi quasi prendo il treno, per prendere quello che ti basta e scappare via perché, quasi quasi, non vale neanche la pena di sprecare saluti prima di prendere e partire e non arrivare ed affidarsi alle scarpe e farle andare oppure restare in veranda, seduto, restare immobile, restare ad aspettare, ma andare via per sempre.
Così è la scena che immagino: il sole dritto in faccia, gli occhi strizzati ed il cuore che si cimenta in disumane acrobazie, così frenetiche che non senti niente, così assolute che non ti dà fastidio la voce del bimbetto che storpia Venezia e ride a metà pezzo. Così.
Inizia che dormi, ma non parli più nel sonno. Inizia che dormi e nessuno più ti ascolta mentre parli nel sonno.
E finisce che sei vivo, ma te ne accorgi con un secondo* di ritardo.

*in questo secondo stai giusto pensando a quel sogno strano che hai fatto, quel sogno pieno di luce gialla che mentre morivi io scattavo foto al paesaggio, ma la luce era così intensa che non riuscivi ad essere incazzato con me e l’unica cosa che ti chiedevi, la sola che ti chiedevi nel sogno era come sarebbero venute quelle foto ché col digitale non è più la stessa cosa, un discorso simile a quello sulle mezze stagioni che voleva solo coprire il tuo disappunto per la mia tecnica fotografica da apprendista giornalista per una testata locale gratuita; in questo secondo stai pensando alla morte che avevi sognato, ma ammettilo, non può competere con l’immagine di morte che t’ho cucito addosso che inizia che dormi e sogni, e finisce che sei vivo e pensi ad un sogno che mi hai raccontato che è meno vorticoso della realtà, di questa realtà, ed il secondo è già finito.

Annunci

One thought on “La vita, ad esempio

  1. spartakista ha detto:

    la tua scrittura mette in fila immagini come figurine, istantanee di un film pieno di penombre personali e quotidianità il cui finale non è mai come t’aspetti.

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: