Hope for Happiness

Dei modi perfetti in cui mi porgi il lattecaffè, preparato a regola d'arte, e sottovoce pronunci il mio nome per intero, mentre indugio nei sogni mattutini e mi lascio cullare dalle voci per strada. Dei labirinti tortuosi che possono diventare le nostre chiacchiere dopo una congrua dose di alcool, della torre di babele erotica che diventa il nostro bar preferito ad una certa ora e delle risate davanti ai bagni pubblici e delle intricate modalità dell'accoppiamento degli esseri umani con polo rosa ed improponibli bermuda vacanziere. Del sole filtrato dalle persiane verdi, della cenere e dell'olio da massaggi che ricoprono il pavimento e poi la mattina non riusciamo più a camminare senza scivolare; del nostro porto tranquillo, dove ancoriamo i migliori sentimenti per ritrovarli sempre dopo un anno.
Ecco di cos'è fatto il rotolo che man mano sto aprendo: istanti cuciti gli uni agli altri, un cut-up mentale di gesti che messi vicini assumono nuovi significati. Pur cercando di srotolarlo tutto, non riesco mai a vederne la fine. Non che abbia fretta, avendo perso la coincidenza, ho un'altra ora e mezzo da rosicchiare per salire sul prossimo treno.
Guardo l'umanità che si saluta, che si abbraccia e chissà cosa si promette. Innamorati, amici, genitorifigli, parentilontani, amantiunatantum, compagnidiviaggio, compagnidiclasse, compagni. Si guardano dritto negli occhi e poi si staccano e chi deve partire parte e chi deve tornare a casa torna a casa. Penso alla scissione binaria cellulare, penso alle cose da fare, penso a tutte quelle cose alle quali pensano le persone come me – che i medici definirebbero tendenzialmente depresse, ma se la classe medica fosse lasciata in mano ai poeti allora basterebbe dire crepuscolari – quando finita la vacanza si accingono a tornare a casa.
Penso a tutte queste cose, avanti e indietro, senza soluzione di continuita, e le ombre inondano la stazione e io resto seduta in quell'angolo mentre il tempo passa tutto insieme.
E so che un giorno saremo sempre insieme e una sera dopo aver visto duetre film ce ne andremo a dormire e fumeremo una sigaretta cercando di seguire con lo sguardo il fumo che taglia l'oscurità e la porta della nostra camera da letto chiudendosi farà click.

Annunci

One thought on “Hope for Happiness

  1. FreddieInTheRye ha detto:

    Chissà quanta gente ci piange. 

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: