Die ganze Wahrheit

Il momento in cui ci si abitua alle bugie è il momento in cui si diventa feticisti della verità. La si vuole tutta per sé e agli altri non si riservano che menzogne, si sta maggiormente in silenzio per cercare di capire il significato dei silenzi altrui e le parole vengono usate per insinuare, non più per comunicare.

Il momento in cui si brama la verità, la verità che vogliamo, non già la verità per come essa è davvero, è il momento in cui la si perde definitivamente, perché essa non può palesarsi a chi la cerca in maniera bipolare e ad essa aspira, ma con le proprie azioni la evita e cerca di ri-costruirla e, nel contempo, la distrugge .

Il momento in cui si è soli e non si ha né da nascondere né da cercare alcunchè è il momento in cui si può sinceramente ammettere quanto siano dannosi il cercare e il nascondere, per l’impoverimento che apportano al momento in cui si è soli.

Annunci

5 thoughts on “Die ganze Wahrheit

  1. nina ha detto:

    già…verissimo. Io ci pensio sempre. Insomma..vogliamo sempre la verità che crediamo, noi. ma allora quella li è la nostra. MIca la vera verità. Ma esiste la vera verità? Quella che è come è. Insomma…
    la costruiamo noi? si può non farlo e ammetterla e basta?

    Dio che impiccio..
    A me sta cosa della verità mi fa così. Questo effetto qui. Di ingarbugliamento totale. I cubi di rubik, che appunto, non si fniscono mai.

    • FrancesGlass ha detto:

      Sì, ma infatti, credo che certi post siano dovuti ai miei periodi di insonnia adolescenziale, quando accendevo la tv e, a seconda dell’orario, ingannavo il tempo prendendo in giro Marzullo o cercando di interpretare i monologhi fuori sincrono di Ghezzi – ecco, è stato allora che il mio cervello ha scoperto le gioie delle masturbazioni mentali.

  2. nina ha detto:

    i monologhi di Ghezzi!!
    Meraviglia.
    Io lo faccio anche ora. sto li e mi intrippo.
    Che poi credevo che l’età mitigasse la pratica, invece la peggiora.
    So problemi.

    • FrancesGlass ha detto:

      “sto lì e mi intrippo”

      ecco per questa semplice ammissione potresti diventare la mia migliore amica. I monologhi di Ghezzi vengono sempre tirati in ballo dai miei conoscenti a riprova della mia sociopatia.

  3. ninA ha detto:

    ahaha
    lo so. Lo fanno. I conoscenti. A testimonianza di codeste maldestre, visionarie, poetiche forme di sociopatia.
    Perchè è poesia!
    Poi glielo spieghiamo è.

    ciao amica
    😉

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: