Preludio e fuga

Divagazione nevrotica e con mille altri difetti

Ricominciare a vivere per copione: tutte le azioni ben visibili in coda, dal mattino fino alla sera, che aspettano solo di essere compiute e ogni tanto sgomitano e si calpestano i piedi. Svegliarsi presto e bere il the in piedi, già vestita, camminare controvento e poi scendere a rotta di collo le scale ricoperte di muschio senza preoccuparsi di cadere, scambiare informazioni, ricordare avvenimenti, fare programmi, prospetti, previsioni e tenere a bada l’ansia.
C’è tutto questo in questo preludio di primavera, e c’è anche la consapevolezza di aver fatto poco per essere già sulla soglia del quarto di secolo, ma c’è anche, ancora, la lucidità per pensare un giorno alla volta (quanto si impara dai libri amati, non si potrà mai imparare da nessun docente, da nessun compagno, da nessuno).
Ci sono le parole; tante, fluide e dunque innumerevoli parole. Le parole sono importanti (dai film si impara ad assumere determinati punti di vista, ma senza accorgersene, è una forma di pedagogia subdola, quella, ma anche sublime) e allora ci sarebbe da alzarsi, attraversare l’aula, costeggiando le trenta file di banchi, salire sulla pedana e prendere a schiaffi l’eretica che usa “quindi” e “voglio dire, no” come intercalari, pronunciandoli ossessivamente ogni due tre parole. Quindi considerando l’elemento voglio dire no principale della questione ci sarebbe quindi da chiedersi fino a che punto, no, ne vale la pena voglio dire. E dell’uso sconsiderato di parole troppo accurate delle quali criminali in camice abusano senza alcun freno inibitore, ne vogliamo parlare? No, assolutamente no. Non ne vogliamo parlare.
Il preludio di primavera è annunciato anche dalla scoperta che a noi, che studiamo queste cose fatte per sembrare a chi non le studia più interessanti di quanto lo siano nella realtà, non sono riservati solo film biografci su sigari, barbe, sesso compulsivo (sai che noia!) e personaggi trasgressivi solo nel loro allontanarsi dal modello medico. Perché c’è una commedia, a quanto pare, che parla del male femminile per eccellenza e di invenzioni e vibrazioni e tutto questo può essere argomento di discussione e risate come se non ci fosse un domani.
Per tutti gli altri malumori, invece, la cura è l’accumularsi di giorni, ore, minuti, dolciumi di vario genere e tanto Altrove.

Ryan McGinley - Highway (2007)

Annunci

3 thoughts on “Preludio e fuga

  1. gattaliquirizia ha detto:

    la parol Altrove me la son dovuta scrivere su fogliettino e poi punzonarmela previa punes al centro della fronte, chè marzo è (più) sempre isterico

  2. ninA ha detto:

    esatto Fg…un giorno alla volta..
    meglio nota come teoria dei piccoli passi..
    non ci riesco mai. Imparare l’ho imparata la teoria, ma metterla in pratica..roba complicata da persone sagge. Ok, non sono io. Appunto.

    Il film di cui sopra (non nanni, è) mi ha messo un’amareza addosso che meglio non parlarne. nemmeno lo nomino.
    Tutti a ride, io mi volevo alzare e gridare “ma che coda cazzo vi ridete insulse teste di cazzo?!?!”
    Poi però ho pensato che ero con mia madre e che quindi anche questo..no, povera donna, dovevo risparmiaglielo.

    dolciumi e Altrove. Massimo rispetto e tanta soidarietà. Per la scelta del come e per le cose in sè.
    Non so, ho detto cose assurdissime?
    no che da un po pare mi si fraintenda ogni secondo. E la giornata è lunga, è.

    bascio

  3. FrancesGlass ha detto:

    @gatta: che marzo sia isterico lo dice anche quel noto proverbio. Io, con quello, mi spiego tante cose sul mio conto

    @ninA: nonnò, che assurde! Io ho capito (o almeno credo) il senso delle cose che hai scritto, tranne l’amarezza per quel film che, tanto per la cronaca, alla fine non sono andata a vedere! I piccoli passi, invece, dovremmo andare agli AA, loro sì che son dei campioni ad insegnarli 😉

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: