Effetti collaterali

del Rumore Bianco

Avevo in cantiere due post diversi: speravo che, dopo un po’ di giorni, quello destinato ad essere pubblicato per primo sarebbe cresciuto vorticosamente. Un po’ come riservare lo stesso investimento genitoriale ad entrambi i figli e poi stare a vedere qual è quello che viene su meglio.
Erano diversi, uno biondo e uno bruno, uno burlone ed uno più affettato. In uno parlavo delle superstizioni  e del fatto che negli ultimi giorni mi fossi insanlazzarita da fare schifo: un dito bruciato, una piaga sulla caviglia destra, l’unghia dell’alluce sinistro che è meglio non dire – sono la persona che preferisco prendere in giro. Poi il giorno dopo, tac!, ecco che mi metto lì a scrivere questa cosa al futuro, con fatti veri mescolati a catastrofiche bugie, avevo pure il titolo, bellissimo. Il tutto si chiudeva con uno che dice una frase che inizia per s e finisce per a e con una che chiede chi è Milena.
Poi, invece, questi due figlioli sono rimasti lì, incompiuti, sottosviluppati, con le gambe troppo corte. Tutta colpa di DeLillo e dei suoi libri: ogni volta che ne leggo uno, le parole che vorrei scrivere m’inciampano nei polpastrelli e poi scappano via per sempre. Da un certo punto di vista non potrei chiedere di meglio, in fondo.

Annunci

7 thoughts on “Effetti collaterali

  1. esercizidipensiero ha detto:

    Io ho mille bozze incasinate nel blog, mille nella mail. Un casino. De Lillo lo leggerò mi sa. Bisogna.

  2. ilbuendia ha detto:

    Strana sta cosa delle bozze. Non strana in se ma strana per me.
    Non ci sono abituato.
    Per me sono appunti su un taccuino. Appunti che chiunque li vedesse
    li considererebbe senza senso.
    Sono richiami che una volta letti mi richiameranno in mente altre cose che li circondano.

    • FrancesGlass ha detto:

      Eh, ma infatti non parlavo delle bozze su wordpress – erano in cantiere sul mio quaderno, dov’è possibile trovare una vasta gamma di appunti: da quelli per i post alle trascrizione dei sogni sino a, per esempio, le diverse ricette della pasta frolla.
      Un’orgia ad inchiostro, insomma.

  3. Topper ha detto:

    Tra pezzi di carta, bozze in wordpress e documenti word, credo di avere un centinaio di post che non hanno mai visto – e credo mai vedranno – la luce. Oggi ne ho aggiunti due.

Dì qualcosa

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: